Questo sito usa alcuni cookies

La vera Storia di Tangoy – Gli inizi: 1999

tangoy_vintage2di Davide Ranzani e Roberto Gimmi

Nuova pausa per darsi appuntamento nel febbraio 1999 con l’esibizione dei ballerini Pablo Ojeda e Beatriz Romero e nell’aprile con la musica del gruppo Yerba Mala, composto dal bandoneonista Daniel Pacitti, dal chitarrista Carachoce, dal percussionista Norberto Cutillo e dalla cantante Maria Soledad. Nell’aprile 1999 Tangoy ha avuto come ospite d’onore il coreografo del film “Tango”, Carlos Rivarola, e l’esibizione di tango canyengue dei maestri Marta Anton e Luis Grondona. Il 5 giugno 1999 il Secondo Gala Nazionale di tango argentino “Noche Tangoy”, con la musica del gruppo Hugo Daniel trio (Hugo Daniel al bandoneon, Rudy Flores alla chitarra, Fernando Paz al basso elettrico), e le esibizioni dei maestri Kely e Facundo Posadas e dei maestri Marta Anton e Luis Grondona.
La passione di un gruppo di amici ha portato alla creazione di un punto di riferimento fisso, tutti i venerdì sera , scelto anche da una nutrita rappresentanza argentina che vive e lavora a Milano. Tangoy si impegna oltre ad approfondire le tematiche legate al tango e alla cultura argentina, a interagire volentieri con organizzazioni similari presenti in Italia e all’estero che operano nel sociale e in solidarietà con altre culture, come la donazione liberale fatta da Tangoy in aiuto dei profughi del Kosovo attraverso il Consorzio Italiano di Solidarietà, un ONG impegnata per la convivenza e i diritti umani che ha come scopo la solidarietà in tutte le sue espressioni.

Nel settembre 1999 Tangoy decide di aprire il sito internet www.tangoy.it, il nuovo sito sul tango argentino a cura dell’Associazione, che offre informazioni sulla presenza argentina in Lombardia, insegnanti, artisti, musicisti, locali da ballo e iniziative che hanno come riferimento la cultura e la musica argentina.

Il sito riporta gli intenti educativi e di divertimento dell’associazione così sintetizzati:

“ Milonga
Tangoy è la milonga dove da sempre proviamo a vivere il ballo soprattutto come rapporto con l’altro/a, per il piacere dell’incontro con il/la nostro/a compagno/a.
Ballare nella milonga significa tenere conto della seduzione degli sguardi e dell’avvicinarsi fra persone che si desiderano per l’aspetto e il modo di ballare.
Dopo vengono i passi e la tecnica, pure importanti e necessari.
Per facilitare e accrescere questa atmosfera poniamo particolare attenzione alla musica, che cerchiamo di scegliere fra i brani più ballabili e ricchi di emozioni.
Insieme vi proponiamo di assumere, per quanto possibile, alcuni codici di convivenza che apparentemente sembrano limitarci, ma che in realtà ci permettono concretamente di godere del ballo e della sua emozione:
• Rispettare la ronda, ballare nella sala in senso antiorario per facilitare l’ordine necessario per muoverci con serenità, senza l’ansia di evitare gli scontri;
• Rispettare i brevi intervalli musicali (cortinas) fra gruppi omogenei di tangos, valses, milongas (tandas), che ci permettono di cambiare partner e insieme alleviare la fatica.
Buon tango a tutti ! !
Pratica
La pratica è, in Argentina, il modo più diffuso per imparare il tango. È abbastanza difficile definire cosa sia la pratica. È più facile dire cosa non è: non è una lezione, non è un corso, non è un seminario, non è uno stage. è un occasione informale per imparare qualcosa di più e migliorare il proprio modo di ballare. Si prova, tutti insieme, sotto la guida di un maestro, che può eventualmente proporre qualcosa.
Il maestro interviene correggendo o dando suggerimenti.
Nella pratica non ci sono distinzioni di livello. Non è consigliabile ai “principianti assoluti”, ma qualche mese di lezione o di corso sono sufficienti per poter trarre profitto dalla pratica. Presentarsi in coppia non è necessario, anche se preferibile. Ricordate però che praticare sempre con lo stesso partner non è consigliabile.
Al Tangoy potrete praticare sotto la guida dei più esperti maestri del cosidetto “estilo milonguero”: lo stile popolare che la gente comune balla nelle milonghe di Buenos Aires, fatto per chi vuole ballare serenamente per sè e per il proprio partner, lontano dagli esibizionismi degli stili più spettacolari ed estraneo allo spirito di competizione.”

Il 2 Ottobre 1999 Tangoy si fa promotore di una grande serata di tango con musica dal vivo, l’“Orquesta El Arranque Tango” è a Milano in prima assoluta, direttamente dall’Argentina, per una tournée europea. El Arranque è tra le giovani orchestre di tango che ha avuto più successo negli ultimi anni a Buenos Aires.
Il 3 Ottobre ’99 viene organizzata una conferenza concerto dal titolo “Storia dell’Orchestra Tipica” a cura sempre del gruppo El Arranque con grande ballo finale.
Il 6 e 7 novembre ritorna con uno stage la maestra Susanna Miller che definisce il Tangoy come la miglior milonga d’Europa.
Il 20 e 21 Novembre ’99 è ospite a Milano lo scrittore e giornalista argentino Rafael Flores che tiene un seminario sul tango dal titolo: “Il tango come concezione del mondo” con proiezione di filmati storici e traduzione simultanea di Monica Maria.

La fine del ’99 è caratterizzata da una riflessione interna e un dibattito sul ruolo e l’impegno dei soci fondatori e non nell’associazione.

<segue..>